Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
Home / Architettura / The Frame – Dubai

The Frame – Dubai

/
/
/
844 Views

Troppo grande per un selfie ma grande a sufficienza per poter diventare il prossimo simbolo di Dubai. E se si volessero considerare, come dovrebbe essere fatto, i simboli di Dubai a livello macroscopico, piuttosto che microscopico, cosa c’è di meglio di una struttura che incornici letteralmente l’intera città?

Negli ultimi anni, dopo la crisi del 2008, Dubai ha investito sempre più in qualità piuttosto che in quantità, aggiungendo elementi al proprio paesaggio progettati da architetti rinomati quali Skidmore, Owings & Merrill (SOM), Norman Foster e Zaha Hadid, solo per citarne alcuni. Uno degli ultimi progetti è dell’architetto Fernando Donis. Nel 2008, Donis ha infatti vinto un concorso internazionale battendo 926 proposte concorrenti. Il concorso fu supervisionato dall’azienda tedesca ThyssenKrupp Elevator e indetto secondo le regole previste dall’Unione Internazionale degli Architetti – UIA, organizzazione affiliata all’UNESCO, responsabile per la redazione di uno specifico codice di condotta professionale.

L’architetto di origine messicana è noto per aver progettato, a Dubai, le Porsche Design Towers e la Renaissance Tower, ma anche la sede principale di CCTV a Pechino, in collaborazione con lo studio OMA. Donis aveva già progettato la sua cornice, The Frame, nel 2013 pensandola come una struttura composta da due torri alte 150 metri e larghe 93, tra loro collegate da un ponte lungo 100 metri. Quest’ultimo, che si presenta come una struttura vetrata, ospiterà una caffetteria e un punto panoramico, permettendo ai visitatori di passeggiare letteralmente in cielo.

Daria Ricchi

Daria Ricchi è uno storico dell’architettura e scrittrice, attualmente impegnata presso la Oxford University come visiting fellow.
In possesso di un Dottorato di Ricerca in storia e teoria dell’architettura ottenuto presso la Princeton University, è stata insegnante presso la medesima università, la Yale University nonché presso la Parsons The New School di New York.

Ha all’attivo numerose pubblicazioni di tipo accademico e non (area, casamica- il corriere della sera, Low-Res, Pidgin, Threshold, AA Files).

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest
This div height required for enabling the sticky sidebar