Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
Home / Architettura / PROGETTO MARS SCIENCE CITY

PROGETTO MARS SCIENCE CITY

/
/
/
1012 Views

Ecco un altro progetto per testare le condizioni estreme in cui gli esseri umani potrebbero vivere. Il progetto Mars Science City, in linea con il tema di Expo 2020, è un ulteriore tentativo di testare le condizioni meteorologiche estreme e consentire la vita umana. Il governo ha lanciato un progetto faraonico (da 140 milioni di dollari) progettato dal team del Mohammed Bin Rashid Space Centre insieme al Bjarke Ingels Group (BIG), lo studio di architettura responsabile della progettazione del padiglione opportunità e gli interni di Hyperloop.

È possibile vivere su Marte? Questa domanda è stata posta sia da scienziati e ingegneri, sia da scrittori di fantascienza. Ultimamente gli EAU stanno promuovendo finanziamenti per aumentare il numero di persone che studiano scienze, cercando di consolidare il proprio ruolo nella leadership scientifica.

A tal fine, il progetto Science City fornirà degli spazi sia per le persone generalmente interessate al tema sia per i ricercatori più esperti. Il progetto – 1,9 milioni di piedi quadrati – è composto da una serie di strutture a cupola, che ricordano le tensostrutture costruite da Richard Buckminster Fuller negli anni ’60 e ’70.

Queste cupole geodetiche divennero note come un tipo di architettura in cui la temperatura può essere controllata e l’edificio è in grado di imitare il sistema biologico del corpo umano. Lo stesso vale per le cupole di Dubai, le cui dimensioni permetteranno alla città di battere un altro record, diventando la più grande città di simulazione spaziale mai costruita.

Daria Ricchi

Daria Ricchi è uno storico dell’architettura e scrittrice, attualmente impegnata presso la Oxford University come visiting fellow.
In possesso di un Dottorato di Ricerca in storia e teoria dell’architettura ottenuto presso la Princeton University, è stata insegnante presso la medesima università, la Yale University nonché presso la Parsons The New School di New York.

Ha all’attivo numerose pubblicazioni di tipo accademico e non (area, casamica- il corriere della sera, Low-Res, Pidgin, Threshold, AA Files).

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest
This div height required for enabling the sticky sidebar